< Torna a NOTIZIE E PENSIERI
27.03.2019

Alessandra Zanirato

Restare umani

La protagonista di questa settimana è Alessandra, che da tre anni sostiene l’equipe di Oltre la Strada e del Progetto Alba.

"La mia scelta di fare volontariato è stata motivata dalla necessità e dal piacere di restare in contatto con l’umanità che c’è in ognuno di noi,
per non dimenticare il senso di solidarietà e di vicinanza con chi vive una vita diversa dalla mia, una vita difficile e dolorosa, in sostanza per restare umile e aperta.

Ho cambiato lavoro dopo anni di contatto quotidiano con persone definite “utenza difficile” e ho sentito il bisogno di restare in contatto con quella parte di umanità, sensibile, ferita, arrabbiata, emotiva, a volte anche arrogante, ma autentica.

Man mano mi sono sempre più resa conto che mentre io do loro da mangiare, loro mi regalano sorrisi e sguardi che mi saziano.
Sguardi tristi, allegri, furbi pensierosi piccoli contatti che mi danno tanto.

L’episodio che più mi ha colpito nella mia esperienza da volontaria è stato un contatto con un ragazzo che durante una rissa si era ferito alla mano ed era ingestibile: urlava e cercava di picchiare un’altra persona.
Dopo parecchi minuti gli operatori della Volontarius sono riusciti a convincerlo a salire sul nostro camper per una medicazione.
È salito sul camper urlando, ma appena mi ha visto si è bloccato e in inglese mi ha chiesto scusa.

Io non ricordo cosa ho fatto ma so che ci siamo guardati e gli ho parlato in modo tranquillo e in pochi secondi si è liberato della rabbia iniziando a piangere e a dirmi che voleva sua madre. Mi ha chiamata sister.
Ho realizzato che era quello che sentivo di essere per lui in quel momento: una sorella che provava tristezza per lui e che nella tristezza comprendeva la sua tristezza."

Questo racconto fa parte della rubrica “La storia siamo noi”. Abbiamo chiesto ai nostri volontari e alle nostre volontarie di ripensare al momento in cui hanno deciso di dedicarsi al volontariato e di raccontarci cosa hanno provato, e cosa provano, a portare avanti il loro impegno. Ci hanno donato innumerevoli storie, esperienze e aneddoti. Loro, protagonisti quotidiani di esperienze cariche di emozioni, con i loro sorrisi contagiosi, riescono a coinvolgere chi li riceve.

Per questo motivo abbiamo ideato la rubrica “La storia siamo noi”, titolo che si ispira al racconto di una nostra volontaria. Ogni singola storia ci arricchisce, ci ispira e ci ricorda i valori fondamentali della nostra associazione. Ogni settimana vi racconteremo la storia di uno dei nostri volontari, il suo impegno, l’esperienza vissuta sul territorio e le emozioni provate sul campo.

Le storie sono state raccolte durante il “Progetto Fuoco”, un percorso sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano.