< Torna a NOTIZIE E PENSIERI
28.05.2021

I bambini del VKE donano il loro raccolto alle persone senza una casa

La CasaGioco VKE BZ 2, sita in Via Parma a Bolzano, grazie al Comune dispone di un piccolo orto. Dopo l’anno sabbatico concesso dalla pandemia, il terreno è stato generoso col suo raccolto di insalate, rapanelli e cavoli rapa.

Da inizio marzo i bambini e le famiglie che frequentano l’area giochi si sono impegnati ad abbellire l’orticello e a coltivare fiori e verdure. Con l’avvicinarsi del primo raccolto gli educatori, i bambini e i genitori si sono incontrati e hanno parlato di come utilizzare le verdure.

È sempre una grande soddisfazione gustare il proprio raccolto dopo tanta dedizione, ma in questo caso, i piccoli e i grandi coltivatori hanno volto lo sguardo a chi quelle verdure le avrebbe apprezzate ancora di più. Si sono chiesti cosa fosse giusto fare come gruppo di cittadini che godono di uno spazio pubblico. Con grande spirito di solidarietà, hanno scelto di restituire alla comunità un po’ del privilegio che hanno ricevuto.

Un’antica regola contadina che risale ai tempi biblici dice che una parte del raccolto deve essere donato alle persone meno fortunate, idea che è stata ben accolta dai genitori e dai bambini. È stato deciso così di donare il raccolto alle persone che non hanno una casa che i bambini vedono frequentare le passeggiate nei pressi della Casa Gioco.

Il team della CasaGioco ha invitato l’equipe del progetto ‘Oltre la Strada’ presso il loro orto, dove i fieri piccoli contadini hanno donato il loro primo raccolto agli operatori di strada Alexis, Sara e Kekeli. Gli ortaggi sono stati inseguito destinati a persone che vivono sulla strada che soffrono di diabete, una malattia che non permette di mangiare cibi con zuccheri, conservanti o di bassa qualità.

Quello compiuto dalla CasaGioco VKE BZ 2 è un gesto di solidarietà concreto verso le persone che non hanno un rifugio e che molto spesso non hanno la possibilità di nutrirsi con alimenti genuini e freschi. Il Gruppo Volontarius ringrazia tutti i bambini e le bambine, i genitori e il team di educatori, in particolare Laura e Jasmin.