< Torna a NOTIZIE E PENSIERI
19.12.2022

La casa di Sophia e Iakob: “Qui abbiamo trovato un nuovo inizio!"

Testimonianza

Quando siamo venuti a vedere questo appartamento, abbiamo pensato che fosse l’inizio di una nuova vita. Adesso che abbiamo una casa possiamo finalmente fare dei progetti per il nostro futuro e iniziare a pensare che anche noi ce la possiamo fare.

 

Siamo Sophia e Iakob. La nostra storia inizia in Georgia, un Paese meraviglioso, ma purtroppo pieno di problemi. 

Siamo dovuti scappare. Iakob è stato catturato, imprigionato e torturato. Non l’ho visto per giorni e giorni e quando è tornato a casa era ricoperto di sangue. Il suo viso non era più riconoscibile e molte delle sue ossa erano rotte. L’unico modo per salvare la nostra vita e quella dei nostri cari è stato fuggire.

Non abbiamo avuto il tempo di programmare nulla. Abbiamo lasciato la nostra casa e tutta la nostra vita con in mano una valigia per due. Un paio di pantaloni, qualche maglietta e un paio di scarpe.

Siamo arrivati a Bolzano con l’ultimo treno della sera. Abbiamo dovuto passare la notte in strada. Era marzo e faceva davvero molto freddo. 

I pochi soldi che avevamo, i risparmi di una vita, sono finiti in fretta. Non avevamo nulla, non sapevamo cosa fare ed eravamo soli. Avevamo freddo, avevamo fame, non capivamo la lingua, eravamo esausti. Non potevamo permetterci neanche il sapone per lavarci. Abbiamo pianto tanto. 

A Bolzano abbiamo trovato aiuto e persone molto solidali. Siamo stati ospitati presso un centro di accoglienza di Volontarius dove abbiamo ricevuto un grande supporto. Abbiamo potuto frequentare corsi di italiano, Iakob ha potuto fare un percorso psicologico per superare i suoi traumi e abbiamo trovato entrambi un buon lavoro. Lì abbiamo stretto nuovi legami, conosciuto nuove culture e condiviso momenti molto preziosi.

In un centro di accoglienza la vita però non è facile. Abbiamo vissuto insieme ad altre 16 famiglie provenienti da ogni parte del mondo. Non è possibile avere tranquillità o privacy. Non puoi andare al bagno quando vuoi o mangiare quando hai fame. Non sei mai solo e non c’è mai silenzio. Non si riesce a dormire perché c’è chi russa, chi piange, chi torna dal lavoro a tarda notte.

Qualcuno potrebbe pensare che sia comodo non dover pagare un affitto. Ma il prezzo da pagare è la tua salute, la tua vita.

Abbiamo cercato una casa per noi due per tanto tempo, ma qui in Alto Adige è difficilissimo. Ci sono decine di famiglie che, come noi, cercano una casa in affitto e l’offerta non è molta. In più, se sei straniero è ancora più complesso trovare un appartamento, anche se hai un buon lavoro e parli bene italiano. 

Lorenza, Miguel e Stefano del Gruppo Volontarius, ci hanno aiutato a trovare casa. Senza di loro non so come avremmo fatto. Ci hanno supportato nella ricerca di un appartamento e ci hanno accompagnato quando dovevamo firmare il contratto d’affitto. Si sono assicurati che fosse tutto in ordine e che noi avessimo compreso tutte le regole. Siamo molto grati per tutto quello che hanno fatto per noi. 

Ci sono stati momenti di grande sconforto, ma in Volontarius abbiamo trovato persone che ci hanno aiutato a non mollare. Una di queste è Mimì, l’insegnante di italiano. Ci ha insegnato tutto quello che dovevamo sapere per prendere una casa in affitto, le parole da usare e i loro significati. Ma ci ha aiutato soprattutto a non perdere la speranza. Ci incoraggiava a non abbatterci. Ci diceva che ci vuole tanta pazienza, di provare ancora e ancora e che non dovevamo abbatterci. Mimì ci è sempre stata vicina.

Quando siamo venuti a vedere questa casa per la prima volta, abbiamo pensato che questo sarebbe stato l’inizio di una nuova vita per noi. Con questa nuova casa possiamo avere un nuovo futuro.

Non c’è niente di più importante di avere una casa. Qui possiamo andare in bagno quando vogliamo, possiamo lavare i nostri vestiti, cucinare il cibo che più ci piace, possiamo riposare dopo una lunga giornata di lavoro. Possono sembrare cose elementari e banali ma, quando perdi queste libertà, nascono grandi problemi. La casa è importante per il tuo corpo, per la tua salute, per la tua mente e per il tuo cuore.

Dopo quasi cinque anni senza una casa, adesso possiamo fare dei piani per il nostro futuro. Adesso che abbiamo una casa, possiamo finalmente pensare che andrà tutto bene.

 

 

 

Questo Natale scegli di fare un dono speciale e stai accanto a chi si trova in una situazione di povertà. Con un gesto di solidarietà puoi migliorare la vita di tante persone.

DONA ORA E STAI A FIANCO DI CHI NON HA UNA CASA: https://gruppovolontarius.it/landing/casa-diritto-tutti.html